Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
consolato_filadelfia

Autocertificazione

 

Autocertificazione

Cos'è l’autocertificazione?



E' una dichiarazione che l'interessato redige e sottoscrive nel proprio interesse su stati, fatti e qualità personali e che utilizza nei rapporti con la Pubblica Amministrazione e con i concessionari ed i gestori di pubblici servizi.

Nel rapporto con un soggetto privato il ricorso all'autocertificazione è rimandato alla discrezionalità di quest'ultimo. Le dichiarazione può sostituire le normali certificazioni e gli atti notori.

Infatti, con l'entrata in vigore del D.P.R. 28 dicembre 2000 n° 445, si è messo in atto un importante processo di semplificazione amministrativa per riformare la Pubblica Amministrazione e farla funzionare in maniera più efficace e trasparente.

Certificati sostituiti dall’autocertificazione
L’autocertificazione può essere sostitutiva di:

1. NORMALI CERTIFICAZIONI

Si può dunque ricorrere all’autocertificazione nei seguenti casi:

data e luogo di nascita;

residenza;

cittadinanza;

godimento dei diritti politici;

stato di celibe, coniugato o vedovo;

stato di famiglia;

esistenza in vita;

nascita del figlio;

decesso del coniuge, dell’ascendente o discendente;

posizione agli effetti degli obblighi militari;

iscrizione in albi o elenchi tenuti dalla Pubblica Amministrazione;

titoli di studio acquisiti;

qualifiche professionali;

esami sostenuti universitari e di stato;

titoli di specializzazione;

titoli di abilitazione;

titoli di formazione;

titoli di aggiornamento;

titoli di qualificazione tecnica;

situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione di benefici e vantaggi di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali;

assolvimento di specifici obblighi contributivi con l’indicazione dell’ammontare;

codice fiscale o partita IVA;

qualsiasi dato dell’anagrafe tributaria;

stato di disoccupazione;

qualità di pensionato e categoria di pensione;

qualità di studente;

qualità di casalinga;

qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili;

iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo;

adempimento o meno degli obblighi militari compresi quelli di cui all’art. 77 del D.P.R. n. 237/64 come modificato dall’art. 22 della legge 958/86;

assenza di condanne penali;

qualità di vivenza a carico;

tutti i dati a diretta conoscenza dell’interessato contenuti nei registri dello stato civile.


Quali sono i casi in cui l’autocertificazione non è MAI ammessa

La possibilità di avvalersi dell’autocertificazione non è mai ammessa per i certificati:

medici;

sanitari;

veterinari;

di origine;

di conformità all’Ue;

marchi;

brevetti.



72